Guida: Come creare il proprio Portfolio in 10 punti.

Tutti gli artisti che si occupano di “arti visive” prima o poi avranno bisogno di un Portfolio per presentarsi e far conoscere la propria bravura e i propri lavori.

esempio portfolio

La mia esperienza personale mi ha portato a capire che creare un portafoglio fotografico o grafico non è così semplice come si possa credere.
Molte persone hanno l’intenzione di crearne uno, la maggior parte delle volte pensando al portfolio come una raccolta di lavori, ma ho notato che di solito il risultato non rappresenta il modo migliore per presentare le proprie opere.
Mettere insieme un portfolio può essere un’attività molto utile e spero che questi semplici passaggi vi aiuteranno a creare qualcosa di unico!

Punto 1. Cos’è un Portfolio?

Un portfolio fotografico o un portfolio grafico, è semplicemente una collezione dei propri lavori.
L’errore comune è fare una sorta di ‘best of’ di tutto il lavoro fatto fino a quel momento.
Infatti anche se questa scelta può essere vera in alcuni casi, è più probabile che il portfolio venga rappresentato con una serie di lavori legati da tema o uno stile, o ripresi attraverso una tecnica specifica.

Punto 2. Che cosa rappresenta?

Un portafoglio è inanzitutto l’Occasione con la “O” maiuscola per presentarvi tramite il vostro lavoro, ma andiamo a discriminare le opportunità di questa presentazione.
Stai preparando un portfolio per un colloquio di lavoro, o stai cercando di ottenere un lavoro esposto in una galleria?
Qualunque sia la ragione, è indispensabile sapere dove e chi vedrà i vostri lavori.
Un colloquio di lavoro può richiederti di mostrare una varietà di abilità e tecniche, mentre di norma la raccolta per una mostra richiederebbe un unico tema e dovrà essere presentata con in mente una galleria ideale d’esposizione.

Portfolio michele cirillo

Punto 3. Il pubblico.

Una volta che abbiamo deciso a chi si rivolgerà il nostro portafoglio, è necessario pensare al pubblico che stiamo cercando di raggiungere. Pensiamo inanzitutto alla reazione che si vuole ottenere – vuoi che il lettore sia soddisfatto, sorpreso, scioccato?
Cerchiamo di modificare i nostri lavori proprio in relazione all’effetto che si vuole ottenere, ricordatevi che il modo stesso in cui è fatto un portfolio è significativo per il risultato finale.

Punto 4. Carta vs Digitale.

A questo punto dobbiamo decidere in quale formato presentare il nostro portafoglio.
In passato, era tutto su carta, ma la tecnologia ha introdotto la possibilità di presentare il vostro portfolio in un PDF, JPEG o attraverso un mezzo online come una gallery o un sito Web.
Riuscire a mandare il proprio portfolio ai potenziali datori di lavoro tramite mail è ovviamente estremamente conveniente sia da un punto di vista economico che di tempo impegato.

My_Portfolio_by_DrZapp

Personalmente ritengo che il prodotto finale di un portafoglio realizzato su carta stampata, è superiore di gran lunga dell’opzione di visualizzazione di immagini sullo schermo, fermo restando che ho trovato delle raccolte di lavori stupendi anche online.

Punto 5. Stile & Design

E ‘giunto il momento di prendere in considerazione lo stile e il design del nostro portafoglio.
Decidiamo quindi come disporre le nostre foto o immagini, se inserirle in cornici semplici o applicare dei veri e propri esercizi di stile intorno alle nostre opere.
Prima però prendiamo in considerazione la dimensione delle nostre foto, su questo punto vi raccomando di scegliere una misura abbastanza grande – magari 20x30cm o A4.

Portfolio_by_tedikuma

Se decidiamo di fare un portfolio cartaceo è necessario selezionare la carta su cui stampare e la qualità di stampa, compatibilmente con i nostre disponibilità economiche direi di spendere di più e puntare sulla qualità.
Detto questo, ricordo che ci non sono restrizioni per dimensione, forma o stile – ricordate che il migliore portfolio è quello che rispecchia voi stessi e la vostra arte.

Punto 6. Tema

Dovremmo adesso, considerare il tema che desideriamo avere nel nostro portfolio.
Questa scelta, estremamente personale, dovrebbe basarsi per lo meno su un design comune in tutte le pagine.
Possiamo decidere di creare una collezione di lavori in bianco e nero, di foto scattate tutte in un certo luogo geografico, oppure rappresentanti un tema come la felicità, il lavoro etc. etc.

Se stai cercando di unire diversi scatti e stili, assicurati di avere un motivo valido per farlo. Ricorda che, indipendentemente dal tema, si deve garantire un equilibrio costante del colore e della qualità del materiale in tutto l’insieme del lavoro.

Punto 7. La scelta delle immagini

La parte più difficile della creazione di un portfolio è la selezione delle immagini da inserire.
C’è sempre la tentazione di selezionare solo i nostri scatti preferiti, ma l’artista non è sempre il miglior giudice del proprio lavoro perchè molte volte tende ad’associare lo sforzo con il quale ha ottenuto un immagine, con la sua effettiva bellezza.

Cercate di chiedere un parere a qualcuno di cui vi fidate.
Io suggerirei di scartare mano a mano le foto fino a quando non arrivi alla raccolta desiderata. Se una foto ha un difetto o e fuori fuoco, scartiamola.
E ‘molto meglio avere un paio di immagini perfette, che una vasta collezione di scatti discreti.

My_Portfolio_by_nntrung

Punto 8. La Presentazione

La presentazione degli scatti è essenziale per la reazione degli spettatori. Una raccolta di fotografie presentate male non rendono giustizia al lavoro e rimarrai deluso dal risultato.
Cerchiamo di riflettere attentamente su come migliorare le immagini attraverso tecniche di presentazione, curando i bordi e il colore del foglio di supporto.

E ‘anche importante considerare l’ordine delle inquadrature, se mettere le foto in ordine cronologico oppure seguire uno stato d’animo ben preciso.
Facciamo attenzione alla scelta dell’immagine principale (quella di presentazione della raccolta).
Dobbiamo selezionare qualcosa che catturi l’essenza della collezione.

Punto 9. Contenuti del Portfolio

Una volta che abbiamo il layout con tutte le immagini in ordine, è necessario considerare quali altri elementi si potrebbero includere nel nostro portfolio.

Questa è una scelta molto personale, ma le cose da considerare sono:

- Illustrare il tuo concetto riguardo la raccolta o il tema, completando il tutto con le informazioni personali
- Includere nella cornice degli scatti i titoli delle opere e una breve spiegazione
- Inserire la Data e il luogo di scatto

Si possono inserire molte informazioni testuali, ma ricordati di essere breve.
Ricordati che stai pubblicizzando le tue immagini, non le tue doti letterarie ;) .

Punto 10. E ora che faccio?

Cercate di non modificare il porfolio già esistente ma createne di nuovi pronti per essere usati secondo le diverse occasioni.
Date continuità al vostro lavoro e cercate di farlo vedere a più gente possibile. Condividetelo con amici e parenti e chiedete sempre un parere, che servirà per farvi capire cosa non funziona e cosa impressiona del vostro portfolio.

Per il resto…
Buona fortuna!


Questo post è stato scritto il Fotografia, Grafica, Guide e taggato come , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

22 Commenti a Guida: Come creare il proprio Portfolio in 10 punti.

  1. Terry Spinella scrive:

    Ciao ho guardato con attenzione il tuo sito e hai spiegato molto bene. Io devo diplomarmi in grafico pubblicitario a giugno e volevo chiederti come faccio a creare il portfolio che segni nel punto 5. Aspetto una tua risposta grazie

  2. Anna scrive:

    ciao!mi puoi contattare via email per delle info sul portfolio. Dove farlo stampare e quanto potrebbe costare.
    Vorrei preparare il mio progetto sul Kenya.
    grazie saluti
    Anna

  3. Francesa scrive:

    Ciao il tuo articolo è molto utile… ti volevo chiedere delle informazioni per creare un portfolio che dovrò mandare ad una università a londra… io ho appena terminato il liceo e purtroppo non ho alcuna esperienza nel campo lavorativo e devo ancora iscrivermi all’università.. Mi mancano le idee e il materiale.. Potresti darmi qualche spunto o qualche idea che poi svilupperò io per creare il mio portfolio… sono totalmente spaesata! grazie in anticipo

    • Michele Cirillo scrive:

      Ciao Francesca!
      Purtroppo senza idee e materiale mi è un po’ difficile poterti dare una mano…di che portfolio stiamo parlando?

      Buona serata
      M.

      • Francesca scrive:

        Mi è stato richiesto un portfolio da presentare all’università.. loro lo definiscono “portfolio of art/design work”. Nelle caratteristiche che deve avere c’è scritto che non deve essere più grande di un A3 e deve avere dalle 10 alle 30 pagine in cui devo inserire schizzi, dipinti, modelli, fotografie, quaderni ecc.. Solo che io mi trovo in difficoltà perché non ho mai fatto niente di tutto ciò..

  4. camilla scrive:

    ciao, il tuo articolo mi ha piuttosto schiarito le idee, quindi grazie perchè ero nel caos. Ma mi rimane un dubbio: quanto ampio deve essere il portfolio?
    Perchè sono una studentessa di disegno insustriale e vorrei propormi nella grafica. Ma se escludo gli elaborati realizzati per il product design e l’exhibit (gli altri due sbocchi che ho), il mio portfolio si riducerebbe a circa cinque o sei proggetti.
    Troppo poco, o meglio rimanere legati al tema?
    grazie.

    • Michele Cirillo scrive:

      Ciao Camilla…quello che dico sempre è: “poco, ma ottimo”. Non sentire il bisogno di mostrare necessariamente “tutto”, mostra il meglio ;)
      Avere un tema, un progetto, è indispensabile nella presentazione di un portfolio.

      Buona giornata e buon lavoro!
      Michele

  5. Chiara scrive:

    Ciao, io dovrei presentare un portfolio durante il colloquio per l’ammissione in Accademia. Siccome amo molto le foto paesaggistiche, infatti credo che i miei scatti migliori siano proprio quelli riguardanti paesaggi, potrei inserire foto di vari paesaggi e poi trovare un titolo appropriato che le accomuni? Grazie in anticipo! :)

    • Michele Cirillo scrive:

      Bhè…c’è coerenza tra questi scatti? Per un progetto fotografico è meglio avere poche immagini, ma che parlano tra di loro, che molte foto che non seguono un filo logico ;) buona fortuna!

  6. aria scrive:

    Ciao!
    quale programma per windows potrebbe essere adatto per realizzare un buon portfolio?

  7. Gianluca scrive:

    ciao, devo dire che è molto interssante questo articolo, personalmente sto cercando di crearmi un buon portfolio per l’ambito che mi compete Architettura la mia domanda è: posso chiederti come fare per ottenere il formato illustrato nel punto 5 ” raccoglitore schede” devo dire che è molto di classe
    grazie

  8. Andrea scrive:

    lavoro nei campi sportivi da cross dove fotografo e vendo direttamente le foto mostrandole a monitor, vorrei dei consigli dove o cosa potrei fotografare e vendere direttamente al momento le foto…..

  9. Carole scrive:

    Grazie per il consiglio sono stata molto soddisfatta.
    Carole Stella

  10. Monica scrive:

    Ciao, grazie per i consigli.
    Al punto 4. tra l’altro dici “…fermo restando che ho trovato delle raccolte di lavori stupendi anche online.” Potresti mostrarci qualche link?
    Grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>